ExoMars : l’Europa Sbarca Su Marte Con La Sonda Schiaparelli E come nel 2030 colonizzeremo il pianeta rosso

ExoMars : l'Europa in procinto di sbarcare sul pianeta rosso

Mercoledì prossimo l’Europa sbarca sul pianeta rosso! Un’evento, questo, che non dovrebbe meravigliarci più di tanto. Molto probabilmente, infatti, nel 2030 ABITEREMO su Marte! 😯

O almeno così afferma Barack Obama… 😆


Aggiornamento del 21/10/2016

La missione spaziale ExoMars è stata un successo solo parziale.

Il modulo TGO(Trace Gas Orbiter) è, infatti, in orbita attorno a Marte.

Tuttavia, è notizia di oggi che il lander Schiaparelli non è riuscito ad atterrare sul pianeta rosso.

Schiaparelli si sarebbe infatti schiantato sul suolo ad una velocità di 300 Km/h, probabilmente esplodendo.

La causa precisa è ancora da stabilire, per ora si sa con certezza che i retrorazzi hanno funzionato solo per 3 secondi, invece di accompagnare la sonda fino a terra come previsto.

E’ stato anche individuato e fotografato dal MRO(Mars Reconnaissance Orbiter) l’esatto punto d’impatto del lander.

schiaparelli-schianto-marte

Il punto di impatto della sonda Schiaparelli fotografato dal MRO

ExoMars : separazione confermata

Questo traguardo è stato raggiunto grazie alla collaborazione tra ESA e Roscosmos che, il 14 Marzo del 2016, hanno lanciato il modulo “Schiaparelli” con successo.

La sonda, dedicata all’astronomo Italiano Giovanni Schiaparelli, è prossimo ad atterrare sul pianeta rosso.

Ed a confermarlo è la stessa ESA (European Space Agency) tramite un laconico tweet :

Durante la discesa della sonda verranno registrate varie informazioni che serviranno poi ad organizzare nel 2018 un’altra missione.

Le fasi della discesa di ExoMars su Marte.

Le fasi della discesa di ExoMars sul pianeta rosso.


Atterraggio su Marte previsto mercoledì

Mercoledì 19 Ottobre alle 16.40 (ora italiana) è previsto l’atterraggio del modulo Schiaparelli.

Solo in questo momento tutta una serie di sofisticate attrezzature inizieranno ad inviare ulteriori dati sul pianeta rosso.

In particolar modo, per 4 sol (i giorni marziani), verrà analizzato il clima e l’atmosfera attraverso il TGO (Trace Gas Orbiter).

Curioso pensare di poter ricevere il meteo di Marte, non è vero? 🙂



Uno sguardo al passato….

3 curiosità che non sapevi

  1. L’unione Sovietica è arrivata nel 1971 su Marte, prima di ogni altra potenza spaziale. Un successo? Si e no, la sonda Mars 3 funzionò solamente per 13 secondi! 🙂
  2. Nel 1976 l’esplorazione del pianeta rosso tocco alla NASA, con le missioni Viking.

    La NASA inaugura le missioni Viking nel 1976.

    La NASA inaugura le missioni Viking nel 1976.

  3. Sempre la NASA ha lanciato Pathfinder, dopo una pausa durata 20 anni dalle missioni Viking, risvegliando l’interesse di tutti riguardo Marte.

….ed al futuro che ci attende!

Nel 2030 molto probabilmente saremo in grado di colonizzare Marte!

Nel 2030 molto probabilmente saremo in grado di colonizzare il pianeta rosso!

E’ di pochi giorni fa la promessa di Barack Obama :

Gli Stati Uniti saranno su Marte entro gli anni 2030.

Stiamo lavorando in partnership con delle aziende private per inviare degli esseri umani su Marte, una missione con l’obiettivo di rendere le nostre vite migliori qui sulla Terra.

E’ quindi chiaro che si sta già’ pensando di costruire “nuovi habitat” per  le future missioni oltre i confini dell’orbita terrestre.

Habitat che possano sostenere e trasportare astronauti in missioni di lunga durata nelle profondità’ dello spazio. Queste missioni ci insegneranno come gli esseri umani possono vivere lontano dalla Terra, cosa fondamentale in vista del lungo viaggio verso Marte.

Se hai trovato il post interessante ti ricordo che puoi commentare, mettere un mi piace e/o condividerlo sul social network che più preferisci! Ne sarei molto felice 😀